Consolidamento debiti, come funziona?

Non sempre chiedere un finanziamento vuol dire investire liquidità per acquistare un bene o concedersi un piacere personale. A volte i prestiti hanno funzioni differenti, ecco perché oggi dobbiamo affrontare il tema del rifinanziamento strategico.

Consolidamento debiti, come funziona?

Il consolidamento debiti è una strategia di rifinanziamento che consente al singolo di chiedere un prestito per far fronte una condizione particolare di sofferenza per alcuni finanziamenti in corso. La situazione è semplice: hai chiesto liquidità alle finanziarie e hai diversi finanziamenti attivi che intaccano il tuo equilibrio.

Per affrontare questa condizione, e avere maggior sicurezza economica, si può optare verso una soluzione interessante: scopriamo insieme cos’è il consolidamento debiti e come funziona il percorso per coprire con un prestito le condizioni precedenti.

Cos’è il consolidamento debiti

Con questo termine intendiamo un prestito che estingue tutti quelli già attivi e li accorpa in un’unica rata mensile che puoi gestire con maggior semplicità.

Il consolidamento è una pratica di gestione delle risorse per gestire, con un nuovo finanziamento, tutte le mensilità dei prestiti già attivi e che rischiano di influenzare negativamente le tue uscite. Questo a causa dei diversi tassi d’interesse che, con il rifinanziamento, si allineano su una percentuale più semplice da affrontare.

Da leggere: chiedere un prestito con partita IVA

Come funziona il consolidamento debiti?

Il processo è simile a quello che ti permette di ottenere un normale finanziamento, ma ci sono delle differenze sostanziali. In primo luogo dobbiamo ricordare che dipendenti statali e pensionati, quindi chi ha uno stipendio o un’entrata fissa come dipendente a tempo indeterminato, possono chiedere una cessione del quinto.

Altrimenti si punta verso il prestito personale. O ancora si può chiedere il mutuo con finalità rivolta alla liquidità: una forma di prestito che mette la dimora o l’immobile come garanzia. In ogni caso l’istituto di credito ha le sue politiche di rischio da rispettare che valutano il livello del reddito del richiedente e l’affidabilità creditizia.

Quest’ultimo punto è fondamentale perché il rifinanziamento è un ottimo strumento per consolidare i debiti nei confronti di prestiti richiesti in precedenza. E che si sono accumulati incasellando tassi d’interesse sempre meno vantaggiosi. Ma per dare il via al consolidamento debiti è necessario dimostrare solidità economica.

Quindi per ottenere un prestito di consolidamento è indispensabile avere un garante, uno stipendio fisso o comunque un’entrata che dimostri la possibilità di far fronte alla richiesta. Una richiesta che può aiutarti ad abbassare le rate necessarie per restituire i debiti ma che non è facile da ottenere per i cattivi pagatori già segnalati.

Come si determina la rata del prestito?

Così come avviene per ogni altro finanziamento, la rata da versare con relativo tasso d’interesse viene determinato da due attori fondamentali: TAN e TAEG. Vale a dire:

  • Tasso Annuo Nominale.
  • Tasso Annuo Effettivo Globale.

Questi sono gli elementi decisivi, i più importanti da valutare per determinare quanto versare al mese e decidere se sottoscrivere il contratto di consolidamento debiti.

Perché il rifinanziamento conviene?

La pratica del consolidamento debiti (o rifinanziamento) diventa una soluzione utile grazie a due valori: l’allungamento dei tempi per la restituzione e la possibilità di contrattare un tasso d’interesse più vantaggioso per la tua condizione.

Grazie a queste leve puoi restituire il debito, maturato dalla soluzione dei finanziamenti precedenti, con una percentuale di interesse più comoda. O comunque consona alle tue possibilità, spalmando la restituzione in tempi differenti.

Chiaramente alla base deve esserci una buona valutazione dei parametri e delle possibilità, per questo è indispensabile chiedere una condizione di rifinanziamento con il contributo di un consulente ferrato in questo campo così delicato.

Parte della difficoltà del settore riguarda la necessità di valutare i conteggi estintivi dei precedenti finanziamenti. Solo così è possibile procedere con l’istruttoria ma per una valutazione chiara bisogna avere al proprio fianco un esperto del settore.

Da leggere: estinguere una cessione del quinto con il TFR

Come ottenere un consolidamento debiti

Il rifinanziamento è uno strumento finanziario molto utile che consente di accorpare in un’unica rata mensile tutte quelle di prestiti già chiesti in passato in modo da livellare il tasso d’interesse e portarlo verso confini adatti alle tue esigenze.

Questo strumento – fondamentale per ristabilire gli equilibri dell’economia personale – è offerto dalle principali banche e finanziarie, non è difficile trovare istituti ben disposti ad aprire un contratto di consolidamento debiti. Ma devi dare delle garanzie.

Inoltre con un confronto strutturato tra le varie soluzioni è possibile ottenere un consolidamento debiti più liquidità, quindi in grado di coprire il debito e dare anche un contributo extra per piccoli o grandi progetti. Vuoi maggiori informazioni?

Categories
Educazione finanziaria

Silvio Parisella

Sono un agente finanziario e business coach. Mi occupo di prestiti dal 2006, mi sono specializzato nel prodotto cessione del quinto per dipendenti e pensionati. Ho finanziato migliaia di clienti in tutta Italia.
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments